mer 30 ottobre 2019 - ore 10:47

“Finché posso immaginare sono libera”



Intervista a Elena Bucci*

- Elena Bucci, attrice, drammaturga, regista e cantautrice: chi preferisce essere?
Tutte queste nature sono sempre state intrecciate insieme, fin dall’inizio, anche se spesso il ruolo di attrice, forse perché più visibile, sembra quello che prevale sugli altri. A questo si aggiunge il fatto che solo da pochi anni si moltiplicano le regie e le scritture femminili, prima poco viste e valorizzate. Per mia fortuna ho avuto la possibilità, fin dai primi debutti con Leo, e ancora prima in alcuni lavori da sola, di combinare le mie scelte con i preziosi insegnamenti di chi mi ha diretto e di chi ho avuto accanto. Questa pratica di libertà e rigore, di apprendimento e scelta, di curiosità e di riflessione mi ha permesso di imparare da tutto e da tutti e allo stesso tempo di percorrere la mia strada di creazione originale.

- Nel 1993 ha fondato con Marco Sgrosso la compagnia Le belle bandiere, in un’intervista (Elena Bucci e Marco Sgrosso: il coraggio di essere una compagnia, su teatro.it del 21/10/2018) Marco ha dichiarato che essere compagnia significa esprimere il senso stesso del teatro: lei cosa ne pensa?
Il senso del teatro per me cambia di giorno in giorno e ancora ne inseguo il profumo. Forse, se mai lo trovassi, non avrei più necessità di provare, debuttare, scrivere. Sto giocando, con questa mia risposta, alludendo alle benedette differenze tra Marco e me, proprio quelle che ci permettono di condividere il lavoro da tanti anni mantenendo la freschezza dell’ispirazione: siamo molto diversi, dialettici e complementari, sempre complici. Certamente anche per me la parola ‘compagnia’ evoca soltanto pensieri fertili ed entusiasmanti. Una delle bellezze dell’arte del teatro è la sua capacità di connettere persone e talenti diversissimi, tutti uniti in un unico progetto che vola verso la ricerca di della qualità dei dettagli, dell’autenticità del proprio fare, della condivisione con un pubblico sempre più ampio e variegato. Cerchiamo tutti quell’attimo sospeso, quel momento magico nel quale, pur tutti diversi, possiamo respirare insieme, qui ed ora, sull’orlo della vita. La compagnia, con la sua pratica quotidiana di conoscenza reciproca e ascolto, può aiutare molto su questa strada ed è per me talmente congeniale che ho spesso rifiutato occasioni di carriera che mi portavano lontano da questa pratica allo stesso tempo concreta e utopica. La compagnia per come la intendo io aiuta ad essere fratelli, anche a distanza di anni e di chilometri e questo è per me un dono insostituibile, specialmente in questi tempi di tradimenti e solitudini.

- Lei dice che la libertà è un sogno, anche se l’andiamo cercando (videointervista realizzata per il festival Kilovatt, il 23/07/2019 - https://www.youtube.com/watch?v=9ZRZr9uSnwM) e dunque le chiedo: lei come artista di teatro si sente libera? E come donna? La libertà è sempre altrove, se non per qualche breve respiro di ebbrezza che ce ne fa misurare l’abisso. E’ ballerina, per natura fuggevole, per fortuna mutevole. Per me è sempre affascinante e degna di essere corteggiata, perché mi insegna un rispetto della vita e degli altri che a volte il narcisismo legato alla mia professione può annebbiare. Allo stesso tempo il sogno di un’estrema libertà può diventare una prigione, quando significa non riuscire a rinunciare a nulla di quello che si desidera. Il tempo e le esperienze mi stanno insegnando a coniugare libertà e rinuncia, desiderio di fuga e necessità di resistenza, difese e doni. E’ una lezione continua ed entusiasmante, anche nelle cadute.

- Lei utilizza codici artistici quali musica, canto, movimento, nel tentativo di raccontare la vita. Attraverso la scrittura del teatro cosa vuole raccontare?
Ogni esperienza artistica mi insegna di volta in volta cosa volevo, voglio, vorrò raccontare. Spesso me ne accorgo proprio al debutto con il pubblico e ne sono stupita e intimidita. Penso di non essere molto originale nella mia ricerca: cerco di comprendere, raccontando, dando sostanza ai sogni e alle ossessioni, usando tutte le arti che mi incantano e che cerco di conoscere e praticare, il mistero del nostro passaggio in questo mondo.

- Nel raccontare La canzone di Giasone e Medea (intervista del 12/04/2016 per il Centro Teatrale Bresciano) dice che sulla scena fa il tentativo di togliere il più possibile, per vedere cosa resta. Cosa resta?
Quando si è fortunati resta quel respiro unico, quella sospensione insieme, quella sensazione di pienezza, quella consapevolezza senza giudizio che ci rende vicini, con la sensazione di essere dentro la vita con un’intensità vertiginosa, quando non si è fortunati, non resta niente. Purtroppo il niente in teatro fa molto male. Ma anche questa dolorosa esperienza serve a togliere ornamenti inutili, frivolezze, orpelli. Serve a riconoscerli anche dove si travestono da altro.

- Leo de Berardinis, suo maestro, stando al racconto di Marco Manchisi, sottoponeva la sua compagnia ad un rigore e a tante regole da seguire, perché diceva che prima di diventare solisti bisognava imparare a suonare in gruppo. Cosa ne pensa? Segue delle regole per la sua compagnia?
Credo che Leo avesse proprio ragione. L’arte della coralità nutre e corregge il solista e il solista infonde energia e coraggio al coro. Ho sempre sentito come insostituibili entrambi i ruoli, maestri uno dell’altro e credo che passare dall’uno all’altro sia sempre molto salutare, anche dopo molti anni di professione. Per quanto mi riguarda, credo che nella compagnia ci siano senz’altro delle regole, anche se non scritte e molto semplici e ovvie: chiediamo a noi stessi e agli altri attenzione, ascolto, rispetto del tempo e del lavoro altrui, curiosità, slancio, disciplina, amore del rischio, dedizione, generosità. Le modalità però cambiano sempre, proprio per sorprendere le nostre pigrizie, i conformismi, le rigidità, le paure che generano, spesso inconsapevolmente, chiusura e blocco energetico. Ecco, credo che le regole spesso siano dettate da dove di volta in volta vanno a situarsi i motori di energia e i blocchi di energia. Sono due forze in dialogo che generano il ritmo e il respiro di molta parte della creazione. E poi sarebbe curioso fare rispondere a questa domanda gli attori e gli artisti che hanno lavorato con me, con noi. Chissà se hanno sentito questo o se hanno letto altre regole. Anche questa è una bellissima cosa: si può creare in armonia anche seguendo regole diverse.

- Può parlarmi del suo rapporto con i classici?
Quando i classici sono veramente tali, e quindi vitali, profondi, autentici, generati dal talento e dalla capacità di farne arte, sono un’avventura entusiasmante che rivela molto dei mondi passati, della storia, di quanto si ripete e di quanto cambia. Sono un regalo di chi non c’è più che infonde fiducia sul valore dell’arte che continua a vivere attraverso spazio e tempo. Molto prezioso.

- Definirei l’estetica e il linguaggio i suoi due punti di forza. Molto interessante è anche il grande lavoro sulla voce. Esiste un suo metodo?
Ogni volta che avrei voluto credere in un metodo e affidarmi ad esso sono stata presa in giro dalla realtà. È sempre accaduto qualcosa che ha provocato il crollo di molte delle mie certezze. Per questo ora provo ad avere solo un metodo non metodo: stare il più vicino possibile a quello che mi appare come vero, come autentico, come naturale, anche quando questo processo chiede molta fatica e molto coraggio.

- Perché Ovidio ancora oggi è così attuale?
Perché è un grande poeta. Il suo talento, affinato dalla cura, dalla ricerca, dalla disciplina artistica, ci hanno regalato quel tesoro indefinibile che nominiamo poesia e nel quale spesso ritroviamo forza e vita.

- Oggi la donna Elena è soddisfatta del suo percorso di vita artistica?
Sono abituata ad essere inquieta e a volte la nuova serenità che si affaccia mi stupisce. Non so se questo possa definirsi come una forma di soddisfazione. Forse sarebbe più corretto dire che, a tratti, la nebbia generata dai desideri, delle paure, dalla necessità di avere conferme si dirada e intravedo qualcosa che mi chiama e che, nonostante le difficoltà, apre un diverso orizzonte.

Annarita Risola – Progetto "Giovani sguardi", Teatro Koreja
*L’intervista è stata rilasciata nell'ambito del progetto "Giovani sguardi", Teatro Koreja in occasione della conversazione con la regista tenutasi il 23 ottobre presso il Teatro Koreja all’interno della programmazione di Palchetti Laterali (progetto per l’audience development dell’Università del Salento), durante le prove di Heroides. Lettere di eroine del mito dall’antichità al presente, spettacolo diretto da Elena Bucci e prodotto da Teatro Koreja che ha debuttato il 25 ottobre.


postato da Koreja il mar 16 agosto 2022 alle 11:39 - Commenti(0)


scrivi un commento

Inserisci il tuo commento

(i campi contrassegnati dall'asterisco sono obbligatori)


Titolo:




sab 21 dicembre 2019 - 09:26

Un giorno felice

leggi tutto

mar 17 dicembre 2019 - 13:33

CHI SONO LE OMBRE FOLLI DI ENZO VETRANO E STEFANO RANDISI?

leggi tutto

mer 11 dicembre 2019 - 14:55

IL PRESEPE REALIZZATO DAI MINORATI PSICHICI NELLA CASA DI LEONARDO

leggi tutto

mar 19 novembre 2019 - 15:10

Le case speciali delle ragazze e dei ragazzi. Che fare? Una domanda senza scadenza.

leggi tutto

mar 19 novembre 2019 - 14:46

L’amore avvolgente, bramato, tradito, maledetto, non corrisposto, incestuoso e l’attualità di Ovidio

leggi tutto

sab 09 novembre 2019 - 09:51

LILIANA SEGRE: LA TUA SCORTA SIAMO TUTTI NOI

leggi tutto

gio 19 marzo 2020 - 12:41

“Finché posso immaginare sono libera”

leggi tutto

mer 23 ottobre 2019 - 15:16

BUCHI NERI NELLA STORA

leggi tutto

lun 16 settembre 2019 - 14:50

“LO STRANIERO NON È IL MIO NEMICO”

leggi tutto

gio 06 giugno 2019 - 07:48

LO STUPRO È VILE VIOLENZA, NON È UNA MALATTIA

leggi tutto

mar 21 maggio 2019 - 08:03

CASUALITÀ

leggi tutto

lun 06 maggio 2019 - 14:37

RITORNA IL GREMBIULE

leggi tutto

lun 29 aprile 2019 - 13:04

L’abito della festa: Feste sacre, processioni e bande

leggi tutto

mer 24 aprile 2019 - 10:00

Hansel e Gretel fra vecchie filastrocche e profumo di vaniglia

leggi tutto

gio 18 aprile 2019 - 14:53

Alla consulta giovanile in lotta per la difesa del clima e del mare

leggi tutto

lun 15 aprile 2019 - 14:20

SHAKESPEARE SECONDO MALOSTI: L'IO COME MOLTITUDINE E IL GIOCO DEGLI OPPOSTI

leggi tutto

mar 02 aprile 2019 - 11:15

2 Aprile giornata internazionale dell’autismo.

leggi tutto

ven 15 marzo 2019 - 17:10

"FEDELI D'AMORE": per guardare ciò che è dentro

leggi tutto

ven 01 marzo 2019 - 10:41

Fra poesia e raffinato amore carnale, Shakespeare secondo Valter Malosti

leggi tutto

mar 26 febbraio 2019 - 11:56

FA'AFAFINE: LA BELLEZZA DELLA DIVERSITA'

leggi tutto

ven 22 febbraio 2019 - 14:55

ARTAUD: VIAGGIO VERSO IL TEATRO PURO

leggi tutto

ven 01 febbraio 2019 - 14:51

RENZO E LUCIA OLTRE I BANCHI DI SCUOLA

leggi tutto

gio 31 gennaio 2019 - 15:53

EDUCARE ALLA STRANEZZA

leggi tutto

mer 23 gennaio 2019 - 17:10

Koreja e La Giornata della Memoria

leggi tutto

mer 16 gennaio 2019 - 17:03

CALCINCULO la giostra che provoca lo spettatore

leggi tutto

mer 19 dicembre 2018 - 15:56

UN VUOTO RUMOROSO

leggi tutto

gio 29 novembre 2018 - 12:11

Ricordare Alessandro Leogrande

leggi tutto

lun 05 novembre 2018 - 12:18

Il Cantico di Roberto Latini. Mancanza e dubbio.

leggi tutto

ven 02 novembre 2018 - 10:08

Il teppismo colpisce a scuola

leggi tutto

mar 30 ottobre 2018 - 11:13

NON GUARDARMI

leggi tutto

gio 02 agosto 2018 - 15:48

La delicatezza del poco e del niente: diario di un’emozione speciale

leggi tutto

gio 02 agosto 2018 - 14:10

NON DIMENTICARE

leggi tutto

lun 30 luglio 2018 - 14:44

Quindici semplici donne anziane danzano e...

leggi tutto

mar 24 luglio 2018 - 09:13

Chapeau per gli Ubu!

leggi tutto

lun 23 luglio 2018 - 08:07

Frame, un delicato passaggio tra la vita e la morte

leggi tutto

lun 23 luglio 2018 - 07:35

Con Luca Toracca, fra humor e tenerezza

leggi tutto

ven 20 luglio 2018 - 11:04

Una tempesta e la funzione del teatro

leggi tutto

mer 18 luglio 2018 - 14:40

Diario di una Tempesta

leggi tutto

mer 18 luglio 2018 - 11:24

RISVEGLI

leggi tutto

mar 17 luglio 2018 - 08:25

Diario di un pomeriggio speciale

leggi tutto

mar 17 luglio 2018 - 08:16

Diario di un workshop

leggi tutto

gio 10 maggio 2018 - 10:42

La libertà ha la forma di un cavallo. 14 maggio, quarant’anni di civiltà

leggi tutto

mar 10 aprile 2018 - 13:16

Non si può morire per qualche chilo di troppo

leggi tutto

ven 16 marzo 2018 - 17:11

20 marzo giornata mondiale del teatro ragazzi

leggi tutto

mer 07 marzo 2018 - 15:14

8 MARZO

leggi tutto

gio 01 febbraio 2018 - 11:59

“VIAGGIO AD AUSCHWITZ A/R”: settantasei parole per raccontare la Memoria

leggi tutto

lun 15 gennaio 2018 - 08:57

KATËR I RADËS: il viaggio disperato verso l’Altro

leggi tutto

ven 22 dicembre 2017 - 15:13

Ricordo personale di Alessandro Leogrande. Di Gigi Mangia

leggi tutto

gio 30 novembre 2017 - 16:27

Gli amanti libertini di de Laclos e il potere perverso della seduzione

leggi tutto

mar 28 novembre 2017 - 12:04

Alessandro Leogrande

leggi tutto

gio 23 novembre 2017 - 16:51

Mai più violenza contro le donne!

leggi tutto

gio 16 novembre 2017 - 15:37

Il carosello esistenziale di FRAME

leggi tutto

gio 09 novembre 2017 - 08:47

P!nk Elephant - Benvenuto Umano

leggi tutto

mar 07 novembre 2017 - 09:14

| x | No non distruggeremo... di Collettivo Cinetico e Lionel di Fabbrica C/Sosta Palmizi

leggi tutto

gio 02 novembre 2017 - 15:54

Sport e Xebeche del Gruppo Nanou

leggi tutto

lun 30 ottobre 2017 - 10:31

Hidden Body, un viaggio rarefatto e dilatato che tocca l’anima dello spettatore

leggi tutto

mar 24 ottobre 2017 - 15:59

Zona 3 - Ritual quintet_1

leggi tutto

lun 23 ottobre 2017 - 13:53

Viaggio dentro “Entities-theater of gestures”, una sperimentazione percettiva firmata Mirko Guido.

leggi tutto

ven 15 settembre 2017 - 14:22

Una foglia di dolore

leggi tutto

mar 01 agosto 2017 - 13:49

IL SANTOLIVO. REQUIEM PER UN ALBERO – DIARIO#2

leggi tutto

IN EVIDENZA